Genitori maltrattati per droga,patteggia

Ha patteggiato davanti al giudice monocratico Marco Tornatore un anno e sei mesi di reclusione l'aostano di 21 anni, finito a processo per rapina, estorsione e maltrattamenti nei confronti dei genitori. Tossicodipendente, si trova in comunità. Dopo aver ascoltato la testimonianza del padre in aula - "Non mi ha preso i soldi con violenza" - il pm Luca Ceccanti ha modificato il capo d'imputazione, mantenendo solo l'accusa di maltrattamenti. Il giovane, assistito dall'avvocato Federico Fornoni, era stato arrestato a novembre. Gli agenti erano intervenuti dopo un'aggressione segnalata dai genitori. "Per impossessarsi della loro auto - riferiva la polizia - ha in un primo momento minacciato la madre e, successivamente, il padre tentando di investirlo e dandosi successivamente alla fuga. Dopo l'ennesima richiesta di denaro per la restituzione dell'auto, nella notte si è presentato nuovamente presso l'abitazione dei genitori e con varie minacce ha richiesto ulteriore denaro per la restituzione dell'autovettura".

Altre notizie

Notizie più lette

  1. Aosta Sera
  2. AostaSports
  3. AostaCronaca.it
  4. AostaCronaca.it
  5. AostaOggi.it

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Roisan

    FARMACIE DI TURNO

      Nel frattempo, in altre città d'Italia...